La storia

E’ l’autunno del 1988 quando, grazie anche alla donazione di un’ambulanza FIAT 238 da parte della sig.ra Scarpellini Franca nativa di Boltiere e detta ” Mamma Franca”, si costituisce ufficialmente la Croce Bianca di Boltiere fondata da: Passera dr. Alberto, Rossi Rosario, Villa Luigi, Noselli Antonietta, Avogadri Carmen, Amadei Maria Grazia, Taietti Piera e Rossi Elisabetta.
I primi audaci volontari, con il prezioso supporto della Croce Bianca di Bergamo e delle consorelle vicine, iniziarono ad effettuare servizi socio sanitari e completata la preparazione, sempre a cura della Croce Bianca di Bergamo, iniziarono anche il servizio di emergenza.

Con gli anni 90 l’associazione si ingrandisce, aumenta il numero degli associati, acquista un’ ambulanza FIAT DUCATO e negli anni successivi la flotta si arricchisce di mezzi adibiti al trasporto disabili. Nello stesso periodo la Croce Bianca di Boltiere entra a far parte dell’ANPAS. Aumentano i servizi resi alla comunità così come il numero dei volontari. Inizia il servizio 118 come gettonata passando poi alla convenzione H24ed entrando a pieno titolo nella rete AREU lombarda.

Sin dall’inizio, l’associazione ha effettuato migliaia di servizi di supporto socio sanitario e sportivo grazie all’impegno dei suoi volontari. Ad oggi, la Croce Bianca di Boltiere, conta più di 130 volontari e 4 dipendenti; con i suoi 10 mezzi percorre oltre 100.000 Km l’anno e forma personale laico sanitario e soccorritore Esecutore BLSD avendo al suo interno istruttori certificati. Tutto questo è stato possibile grazie ai soci e ai presidenti che, negli anni, hanno guidato con impegno, lungimiranza e sacrificio questa grande associazione togliendo anche tempo ai propri affetti ma sempre convinti di rendere un doveroso servizio alla comunità.

“Fare volontariato fa bene al cuore e all’anima”